16.4.17

Focaccia Bianca Romana

Quest'anno a Pasqua siamo in 4. 
Noi tre + il virus.
40 di febbre la Polpetta, chiusi in casa.
La famiglia, il cibo fino a scoppiare, la tradizione culinaria teramana, gli auguri... nada de nada.
Qua si lavora, anche a Pasqua. E se tra Italiani ci si incontra si fa quasi fatica a ricordarsi che è Pasqua. E' vero che abbiamo organizzato questa festicciola pasquale, ma direi che comunque l'atmosfera non c'è. Saranno i 35°C, sarà il virus, sarà la mancanza della famiglia, di una piazza davanti una Chiesa da cui escono tutti dopo la Messa ma insomma non c'è storia.
A questa festicciola ognuno portava qualcosa di legato alla Pasqua e alla propria tradizione regionale. Io non potevo fare le mazzarelle, l'agnello, le pizze di Pasqua (ci ho provato e sono uscite una ciofeca colossale), le olive all'ascolana, il timballo e allora ho dato il mio contributo con un casatiello -e non chiedetemi perchè, non lo so che m'è passato pe la capa- e con una bella focaccia romana.
La focaccia è stata spazzolata e ha riscosso parecchio successo, che onore. :)


FOCACCIA BIANCA ROMANAIngredienti
700 g farina 0
490 g acqua a 22°C
200 g lievito madre (oppure 20 g lievito di birra)
30 g olio oliva
15 g sale

Emulsione
50 g acqua
50 g olio evo
7 g sale
rosmarino immerso nell'olio

Nel robot impastare per circa 12 minuti, finche il tutto non diventa omogeneo. L''impasto sarà molto idratato. Far lievitare fino a raddoppio in una ciotola (almeno 7 ore- una notte)
Versare l'impasto in una teglia oliata 50x35 e lasciar lievitare altre 2-3 ore.
Coi polpastrelli fare delle cavita sulla superficie della focaccia e versarci parte dell'emulsione. Far lievitare 40 minuti.
In forno a 250°C per circa 20 minuti.
Appena sfornata spennellare ancora con l'emulsione

Nessun commento:

Posta un commento


Back to Top