19.9.13

Marmellata di Prugne

Come vi ho già detto parlando della marmellata di more, queste prugne ci sono state donate da una bella signora incontrata per caso un pomeriggio in montagna, mentre si faceva a gara a chi raccogliesse piu more. Inutile dirvi che ho vinto io: conoscevo i rovi migliori!

E' strano quando ti viene fatto un regalo che non t'aspetti da persone sconosciute senza un apparente motivo. Non succede più così spesso oggigiorno e ti lascia addosso una piacevolissima sensazione di.... voi come la chiamereste? è qualcosa di inusuale ormai... vediamo.... "dolci tempi andati".... "gentilezza gratuita e disarmante"... "umanità che affiora".... boh! magari non sapeva che farsene, è vero, ma io so che ogni volta che assaporerò una perla di quella marmellata mi tornerà addosso, dolce, quella sensazione di nonsochè e un piccolo sorriso mi attraverserà i pensieri.




Ingredienti:
380 g di zucchero per ogni kg di frutta
succo di un limone 

Procedimento
1. Lavate velocemente ma accuratamente le prugne sotto l'acqua corrente. 
2. In una pentola capiente adagiare tutta la frutta, aggiungere lo zucchero nella giusta proporzione e, a fuoco lento, mescolare di tanto in tanto. Togliere la schiuma che viene a galla, come si fa per il brodo. Quando il composto comincia a bollire togliere dal fuoco e frullare con un frullino ad immersione se si preferisce una marmellata con pochi pezzi di frutta.Rimettere sul fuoco e dal momento dell'ebollizione far cuocere a fuoco lentissimo almeno 30 minuti, verificando la cottura con la prova del piatto [con un cucchiaino versate una puntina di marmellata sul piatto, capovolgere il piatto. Se la marmellata non cade, ma rimane attaccata al piatto, allora è pronta] e mescolando molto spesso.

3. Nel frattempo sterilizzate i vasetti: mettete i vasetti puliti in una pentolona e copriteli d'acqua. Portate ad ebolizzione e fate bollire 5 minuti. Toglieteli dall'acqua e fateli asciugare capovolti all'aria. 
4. A cottura ultimata riempite i vasetti sterilizzati con la marmellata, chiudete con dei tappi nuovi e avvolgeteli in uno strofinaccio, capovolti per creare il sottovuoto. Il giorno dopo verificate che il sottovuoto sia effettivo: il tappo del barattolo NON deve fare click. Se fa click il sottovuoto non c'è e sarà meglio riporre la vostra marmellata in frigo  e consumarla entro un mesetto

1 commento:

  1. E' alquanto strano vero? Più che per il singolo gesto in sé.. per il fatto che oggi ci sorprendiamo di gesti GENTILI! Dovrebbe essere una regola, dovremmo sorprenderci di quelli negativi.. eppure questo mondo va al contrario. La tua marmellata è stupenda, tesoro :)

    RispondiElimina


Back to Top