25.7.12

Circe, questa sconosciuta

"Circe, figlia di Elio e della ninfa Perseide, o secondo altri figlia del giorno e della notte.
Compare nell'Odissea e la sua storia si lega a quella di Ulisse. Per un anno. Un anno in cui Ulisse vivrà con lei, sulla sua isola e avrà da lei un figlio o forse piu. 
Ma come?

Quando Ulisse approda su Eea trova un'isola dalla vegetazione rigogliosa, apparentemente disabitata.
Manda allora in perlustrazione i suoi uomini guidati da Euriloco. Ed essi trovano un palazzo. La padrona di casa offre loro cibo e bevande e si mostra molto cortese. Essi mangiano e lei, toccandoli con una verga li trasforma in porci, o belve, secondo la loro natura e inclinazione. Cosi poi li rinchiude in un porcile.

Euriloco solamente rimane umano, perchè presaggendo la sventura non ha toccato cibo, e corre a raccontare tutto ad Ulisse il quale si reca al palazzo. Berrà ciò che la maga Circe gli offre, ma aiutato da un erba non si trasformerà in belva. Anzi, minacciando la strega,  farà tornare i suoi compagni umani.

Per un anno Ulisse resterà con la maga, finchè i suoi compagni non lo conviceranno a riprendere il viaggio.=

Quindi 'sta strega non era poi tanto malaccio, no? anzi... Ulisse quasi quasi rimaneva, e conoscendolo, non è tutta questa novità.... 
Ma diciamocela tutta questa verità.... io qualche personcina da trasformare in maiale ce l'avrei... qualcuno lo trasformerei anche in nano da giardino... qualcun'altro in brucomela.  Insomma, beata te maga Circe! avevi sto gran dono e alla fine ti sei innamorata di Ulisse, sto cascamorto.
Ma che ci vuoi fare, l'amore quando arriva arriva. E ti può capitare come una tegola tra capo e collo, come una folata di vento. O può essere 'na gran fregatura, che pensavi fossi amore e invece.... invece era una ciofeca.

Io intanto Circe ti conosco come anticiclone, e te vojo propio bbene, chè m'hai rinfrescato l'aria, m'hai fatto rialzà la pressione e mi supporti in queste giornate lavorative. Ma te vojo ancora piu bbene perche so che resterai per poco.

Mio padre nn la pensa come me, visto che i suoi pomodori sono stati tiranneggiati dalla grandine che hai portato, e le foglie delle melanzane sono tutte "traforate"... ma questa è un'altra storia!

2 commenti:

  1. Circe, Circe....il suo nome e' stato sempre presente nella mia vita...per ragioni che qui non posso dire (non fraintendermi, non sono una maga! ), e mi ha accompagnato proprio perché la sua storia con Ulisse mi era rimasta nella memoria...e, in fondo, noi donne siamo tutte un po' maghe....ciao!

    RispondiElimina
  2. e chi dice che le streghe non esistono ...

    RispondiElimina


Back to Top