4.5.12

Come quando fuori piove


COME. QUANDO. FUORI. PIOVE. E io sono in casa, in un angolo virtuale della mia anima, a guardare fuori dal vetro. C'è caldo, la pioggia é destinata a svanire in poche ore, i tuoni spaventano il gatto, i fiori si rigenerano e io cerco un pò di pace. Standby da quello che succede intorno. Squillasse il telefono, ora, nulla potrebbe distogliermi dalla pioggia e dal suo spettacolo. 
Una breve tregua.
 E fondamentalmente sono felice. Sto aspettando il via per iniziare la mia corsa, per trovare uno spazio che mi manca. Per ritrovare i miei tempi, le mie passioni, i miei silenzi, per crearmi delle piccole abitudini. 
Per sentirmi stabile.
 Ci sono cose che lascerò, altre che mi aspettano. Ci sono persone che mi mancheranno. Ci sono giorni in cui ho paura della nostalgia che avrò, di certo. Giorni in cui non vedo l'ora di fuggire lontano.
 Serate in cui io e Olive Kitteridge siamo ottime amiche, perchè siamo li, in due vite parallele, ognuna con le sue imperfezioni e la sua rabbia. Così vicine, così lontane. Ci teniamo per mano in momenti difficili, che attraversiamo insieme, senza vergogna, senza rimpianti. 
Sappiamo che la vita é questa, che avere una sola bottiglia di latte in frigo o non avercelo affatto un frigo é solo questione di vita, di quello che hai attraversato e di quello che ti sta attraversando.
 E nessuna di noi sa bene dove sta andando, ma ha fiducia nel fatto che tutto ha un suo ordine cosmico e che bisogna sempre credere nelle persone, anche in chi ti guarda e non sa. 
Non sa nulla e ti guarda. 
E tu speri nel miracolo. E quando in quel miracolo non puoi crederci più, allora credi nell'aldilà, sebbene tu non abbia nessuna prova. Eppure, a volte, senti che intorno a te, a certe persone, accadono cose belle, e allora speri che tu abbia un angelo lassù, e forse ce l'hai, senza nessuna prova e nessun dubbio.

Tutto questo per dire che ci sono persone che cominciano a mancare in certi momenti, in questi momenti.

Persone che non ci sono più da tempo,  di cui rimangono tracce in un corpo stanco.
Persone che non abbiamo mai conosciuto e che ci mancano, perchè loro vivono in qualcuno che ami.

1 commento:

  1. un abbraccio...inutile dirti che prima capita sempre un momento così....si ...è inutile...e allora un abbraccio

    RispondiElimina


Back to Top