17.4.09

Millefoglie alla crema

Forse è il caso che io vi aggiorni.... è un periodo strano questo perchè non sai cosa fare. Allora esci, fai due chiacchiere, vai a fare la spesa, torni a casa e fissi un pò il pc e i tuoi libri, e allora esci di nuovo e speri di incontrare qualcuno che conosci per far passare il tempo. Poi vai in un pub di sera ridi, scherzi, mangi il tuo gelato e il giorno dopo dormi. A lungo. Ti svegli con un mal di testa strano e hai paura del dentista pomeridiano. Poi ti chiedi... e adesso che faccio? già si, domani torno a L'aquila a prendere le mie cose... chissa come saranno ridotte e se le recupererò. ok. Mi organizzo... che prendo per prima? vestiti e libri. E poi? avrò altro tempo per il resto? ma devo farmi una lista? Ma piangerò domani a rivedere tutto quello che non c'è più? Dannazione, penso proprio che domani sarà una giornata dura.

E allora ora mi dedico un pò a voi.... e vi posto ciò che ho preparato per il pranzo di Pasqua, che non è stata assolutamente una festa. Anche questo dolce non è venuto un granchè, come l'insalata russa che ho buttato. Insomma, la cucina va un pò a rotoli, ma è l'umore.


MILLEFOGLIE ALLA CREMA
(di Confidenze...)
tempo di preparazione: 30 minuti + riposo
calorie per porzione: 350 calorie

Ingredienti:


3 rotoli di pasta sfoglia surgelata

250 ml di latte
30 g di farina
40 g di zucchero
scorza di limone
125 ml di panna fresca

2 savoiardi
granella di mandorle tostate
zucchero a velo
gocce di cioccolato



1. Scongelate la pasta sfoglia. Appoggiare i rotoli su tre teglie rivestite di carta da forno inumidita e mettete in frigo per 30 minuti. Bucherellate le sfoglie con una forchetta e infornatele una alla volta a fuoco alto per 10 minuti. Sfornate e fate raffreddare.
2. Preparate la crema. Sbattete i tuorli con lo zucchero, unite la farina, la scorza di limone grattuggiata e poi, poco alla volta, il latte, sempre mescolando. Mettete sul fuoco basso mescolando con una frusta ininterrottamente finchè la crema non si sarà addensata. Far raffreddare in un piatto mescolando di tanto in tanto.
3. Sovrapponete le sfoglie e pareggiatele con un coltello seghettato, mantenendole tonde o facendole rettangolari-come più vi aggrada!
Montate la panna con 20 g di zucchero a velo e unitela alla crema, amalgamando per bene.
Ora a strati tirate su la torta: primo strato e riempimento di 1/3 di crema (io ho aggiunto anche gocce di cioccolato, ma non so se ci stanno così bene), seconda sfoglia e di nuovo riempimento di 1/3 dicrema. Infine la terza sfoglia e rivestite i bordi della torta con la crema avanzata (1/3 se tutto va bene!). Fate aderire ai bordi rivestiti il composto di granella di mandorle e savoiardi sbriciolati.
4. Spolverizzate la torta con abbondante zucchero a velo. Arroventate sulla fiamma uno spiedino di metallo e appoggiatelo più volte sullo zucchero in modo da caramellarlo formando una grata. (Io, come avrete notato, questo passaggio non l'ho fatto per mancanza di uno spiedo in metallo!!!!)

NB. Se questa ricetta non vi suona del tutto nuova è perchè l'ho presa da una rivista cui mia madre è molto fedele: "confidenze".....


19 commenti:

  1. Mi dispiace per questo velo di tristezza che hai, spero davvero che la ricostruzione di L'Aquila inizi al più presto. Per quanto riguarda questo dolce... a me sembra assolutamente inebriante!

    RispondiElimina
  2. Il commento qui sopra è mio, ho usato per sbaglio l'account del mio topo!

    RispondiElimina
  3. sto sbavando davanti a questa millefoglie cosi invitante e gustosa!

    RispondiElimina
  4. mmmmmmmmmm....e che te lo dico a fare quanto mi ingolosisce!!!

    RispondiElimina
  5. Mi fai venire una fame. Sono vicina a tutti gli amici dell'Aquila e spero tanto che si ricostruisca al più presto. Un bacio grande

    RispondiElimina
  6. Coraggio, Verdolina, domani ti penserò e ti terrò virtualmente la mano. E'una prova difficile, ma, come spesso accade nella vita, bisogna farsi forza e affrontarla. Quanto al dolce, mi suona strano che non sia venuto bene, perché l'aspetto è trionfale...

    RispondiElimina
  7. ti sono tanto, tanto vicina.....e quanto vorrei esserlo per mangiar una fetta della tua torta!
    un bacione Patrizia

    RispondiElimina
  8. Ciao Verdepomodoro, mi spiace per quello che è successo, vorrei poterti essere d'aiuto...un bacione...e complimenti per il dolce perchè dalle fotografie sembra splendido...

    RispondiElimina
  9. tesoro non so davvero che dire...è un'esperienze che io non saprei affrontare, deve essere devastante. Ti abbraccio forte e spero che presto l'umore migliori
    Comunque il dolce sembra davvero molto bello
    un bacione grande
    fra

    RispondiElimina
  10. Ci dispiace sentirti così triste...ma devi avere fiducia e la forza di riprenderti e guardare avanti..con uno sguardo positivo però!
    a noi questo dolce sembra riuscito proprio bene invece!! un abbraccio

    RispondiElimina
  11. anche se non ci conosciamo, ti sono vicina.
    Ciao.

    RispondiElimina
  12. ciao Serena,anche a me sembra tutto cosi strano a volte la mente mi dice che non è successo niente ma poi mi "sveglio"e l'incubo ricomincia...si deve tornare a vivere ma come è difficile....ti abbraccio Tittina

    RispondiElimina
  13. La millefoglie ti è venuta benissimo!!! l'unica cosa che possiamo darti in questo brutto perioso...è un grande abbraccio!!! ciao ciao

    RispondiElimina
  14. la millefoglie... che delizia!

    RispondiElimina
  15. Non so' cosa scrivere... ogni cosa mi sembra inopportuna.....non posso scrivere che ti capisco.. perchè non l'ho mai provato... ma ti dico che ti penserò e che la ricostruzione dell'Aquila sarà anche questo! un abbraccio
    P.s. la mille foglie è fenomenale!!!anche se l'umore è a terra!

    RispondiElimina
  16. cara, carissima...ero via e ho letto tutto intensamente ora.....sei qui, penso e questa è una gioia, domani tipenserò in quel momento difficile...ti abbraccio

    RispondiElimina
  17. capisco quello che stai soffrendo....ti abbraccio e ti aspetto nel mio blog per ritirare un premio:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  18. ...Confidenze: anche mmia madre l'adora. Quando ero piccola leggevo Bibì e Bibò (erano poi i Katzenjammer Kids) che mi facevano confondere la V e la F...
    Mi sono persa la ricetta (eppure devo averlo in casa!!) di quel numero della rivista!

    RispondiElimina
  19. Io ti sono vicina col cuore e ti abbraccio virtualmente. Tutti noi Italiani viviamo molto intensamente questo triste momento anche se non siamo stati colpiti direttamente perchè tocca il cuore vedere tanta sofferenza.
    Un bacio con tanto affetto.
    P.s. La torta? Meravigliosa! :-)

    RispondiElimina


Back to Top