12.1.09

Easy parrozzo!

Eccomi qui a sorseggiare la mia tanto desiderata aspirina. Finisco il sorso, scrivo il post e mi metto a studiare.. già, perchè devo cercare di concentrarmi e foooooooooocalizzare l'obiettivo.
Faccio prima il post però...così mi rilasso un pò... vi ho lasciati tempo fa cn i bocconotti, tipico dolce abruzzese e natalizio... e ora invece vi propongo un altro dolce, anche questo tipicamente "abbbruzzese"..... è la secondo volta che lo faccio, ed è stato proprio un successone! La mia famiglia, il finn e tutti quelli che hanno avuto occasione di provarlo hanno molto gradito... tanto che delle tre mini porzioni nn ne rimane che una metà, quella in foto!
Ricetta trovata su internet e sperimentata.. il web sta diventando il mio libro di ricette preferito... se nn ci fosse io dove l'avrei trovata questa ricetta?mah...avrei dovuto sfogliare ricettari che però nn riportano l'indice di gradimento e il tutto sarebbe stato molto più complesso e dubbio.
Ultimo sorso. Ecco a voi la ricetta.

PARROZZO
  • 6 uova
  • 200 g farina di mandorle (tostate con la buccia)
  • 150 g semolino
  • 250 g zucchero
  • 1 limone- scorza grattugiata
  • 10 mandorle amare (oppure 1/2 fialetta di mandorle amare)
  • 250 g cioccolato fondente+1 cucchiaio di olio
Procedimento. Macinare le mandorle tostate (con la buccia) con un pò di zucchero fino a ridurle in polvere. Sbattere intanto i tuorli delle uova con lo zucchero restante e aggiungere a mano a mano la farina di mandorle e il il semolino, il limone grattugiato e l'essenza di mandorle amare. L'impasto sarà molto duro, perciò a cucchiaiate ammorbiditelo con gli albumi montati a neve. Quando il composto si sarà ben amalgamato mettetelo in una teglia adatta al parrozzo, cioè a cupola, oppure negli stampini per parrozzini foderati con la carta argentata. Infornate a 160° per circa 60-90 minuti. Sfornate, lasciate raffreddare e ricoprite con il cioccolato fondente fuso con un cucchiaio di olio. Il dolce è servito!

La storia. Il Parrozzo (o parrozzino, a seconda del formato) è il tipico dolce pescarese, formato da una pasta battuta (detta anche pasta montata) con aggiunta determinante della farina di mandorla e armelline grezze, cotto al forno e infine ricoperto da cioccolato fondente (37-39%burro di cacao).
In tempi lontanissimi, i contadini abruzzesi per autoconsumo preparavano con la farina di granturco, un pane di forma semisferica cotto nel forno a legna, che chiamavano “pane rozzo”, in contrapposizione a quello fatto con la farina di grano, e quindi bianca, da vendersi ai signori. Agli inizi del secolo scorso il pasticcere Luigi D’Amico ebbe l’idea di farne una trasposizione dolciaria, riproducendo il giallo del granturco con quello delle uova, mantenendo inalterata la forma semisferica e adoperando una copertura di finissimo cioccolato fondente per riprodurre le scure bruciature superficiali caratteristiche della cottura nel forno a legna, e su precisa indicazione di Gabriele d’Annunzio, lo chiamò Parrozzo.
E’ tante ‘bbone stu parrozze nove che pare na pazzie de San Ciattè,
c’avesse messe a su gran forne tè la terre lavorata da lu bbove,
la terre grasse e lustre che se coce…
e che dovente a poche a poche chiù doce de qualunque cosa doce…”.

Gabriele D’Annunzio


17 commenti:

  1. Una cupola deliziosa!
    Aspirina!!!!! brindo con te... anche io Sigh!!!!

    RispondiElimina
  2. speriamo ti riprenda allora!
    buonissimo questo doe e strano l'utilizzo del semolino!! ma ti crediamo quando dici che è stato un successone!!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. Il Parrozzo è veramente buonissimo e adesso che so come farlo parto alla carica!

    RispondiElimina
  4. Cuochissima il Parrozzo che mi hai portato ieri pomeriggio si è volatilizzato... Ottimo 10 e lode

    RispondiElimina
  5. già... anche a me il semolino è sembrato BIZZARRO! però il risultato mi ha convinta...e pure a te finn!l'aspirina fa effetto!

    RispondiElimina
  6. Il semolino? Ma dai! Mi pacerebbe un sacco assaggiarlo, magari me lo preparo presto:) Complimenti e spero tanto che tu ti riprenda presto:)

    RispondiElimina
  7. Bono sto parozzo!!!! ti ho assegnato un premio, passa a prenderlo appena puoi!
    Bacioni!

    RispondiElimina
  8. torta a dir poco favolosa!!!
    mi appunto subito la ricetta ;)

    RispondiElimina
  9. Il semolino nel parrozzo ci DEVE stare! E niente lievito, brava brava!
    Raffaella

    RispondiElimina
  10. Ma com'è che le musiche che scegli per il blog mi fanno sempre impazzire?

    RispondiElimina
  11. L'ho mangiato una volta sola ma me ne sono innamorata, è davvero squisito!!!!

    RispondiElimina
  12. Ma era quello che piaceva tanto a D'Annunzio? un dolce di Pescara vero? Uffa, ci sono pure stata in Abruzzo quest'anno, ma mi sono dimenticata di cercarlo il Parrozzo..
    ora che hai postato la ricetta potrò provare a farlo io.

    ;-)

    A.

    RispondiElimina
  13. ehhehhe...si quello famoso di D'Annunzio....
    pero se provi qst ricetta è molto simile.... cosi qnd torni in abruzzo puoi fare il confronto!!! :)

    RispondiElimina
  14. Sai quanti Parrozzi e Parrozzini ho fatto nella mia vita ? 'I dont'know!!!!!!!
    Ma mia marito preferisce sempre quello della sig.Ivana che lo fa identico al mio (sono stata anche a casa sua per vedere se aveva un ingrediente segreto, ma niente, sono uguali in tutto e per tutto)
    Fortunatamente i miei figli preferiscono il mio.
    Comunque, non è Natale senza Parrozzo e caucnej!!!!!!!!!!!!!!!
    Baci baci,

    RispondiElimina


Back to Top